Capodanno

Chiamato in epoca romana “Caledae Ianuariae”, dal 332 d.C. viene celebrato a Roma come festa liturgica della Circoncisione di Gesù Cristo. E’ il capodanno civile per quasi tutti i paesi del mondo, e religioso per cattolici, anglicani ed evangelisti. I cristiani ortodossi celebrano l’anno nuovo il 14 gennaio. In Occidente il 1° gennaio si fa cominciare l’anno solare, in Cina l’anno inizia con la prima luna nuova nel segno dell’ “Acquario”, i mussulmani (che hanno come anno d’inizio delle datazioni il 622 d.C.) seguono un calendario luni- solare e la data del capodanno, come per i cinesi, varia ogni anno. Indiani, persiani, curdi lo inaugurano il 21 marzo, i buddisti dello Sri Lanka iniziano l’anno il 14 aprile, a settembre viene festeggiato il capodanno ebraico e l’antico capodanno cristiano-copto.

Questo breve trafiletto altro non è che una prova…ma una prova di che vi domanderete…qual’ è il misfatto ? il modus operandi ? qual’ è la fottuta accusa ? Bè se accusa ci deve essere allora essa è…idolatria verso “dei pagani”. Il capodanno è una data fittizia che dovrebbe unire, come il Natale, i cuori di tutte le persone, l’ennesima occasione per parlare di pace, carità, solidarietà, buoni propositi….ognuno con un pò di coscienza avanzata dai tuguri dell’ anno appena trascorso si guarda dentro, meno profondamente dell’ anno passato e più profondamente dell’ anno che verrà, e cosa vede ? …. Niente e subito anche…, così riparte la solita abbuffata di promesse a se stessi e agli altri con il solo scopo e risultato di riuscire ad infrangerle il meno brevemente possibile…Nemmeno sulla fine dell’ anno siamo tutti daccordo, questione di vite, religioni, culture questione che è insito nell’ animo umano il voler differenziarsi sempre e comunque per poter dire io sono migliore o semplicemente il mio capodanno ha più senso del tuo. Quando alla fine è solo un giorno come un’ altro in cui molta gente impazzisce senza motivo, qualcuno perde una mano, qualcuno perde un’ amore, qualcuno perde un’ amico…e qualcuno cerca tutte queste cose…cose di ogni giorno però…niente di riservato alla sola notte del 31 dicembre. Parlo come qualcuno che non ha fatto o non farà questi ragionamenti…ma proprio perchè l’ ho fatti sono qui a dare a questi pixel il colore delle mie idee.

Se si trasformano certi eventi in un’ icona, li si rende troppo potenti e altri, al loro pari, perdono importanza…,infondo, tirate le somme, il capodanno non è altro che un orologio che passa la mezzanotte nella straziante solitudine di una stazione deserta.

Buon anno a tutti, comunque e dovunque siate.

cosmo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: